Un sito dedicato a tutte le donne che sono state tradite...
... e a quelle che non sanno ancora di esserlo...

Archivio

Aiutatemi-Anima fragile

Ciao a tutti…non so perchè scrivo, forse ho bisogno di rileggere poi le mie parole per capire, per darmi una lezione…grazie di cuore a chi leggerà…Non sono stata tradita con una donna in carne e ossa…ma con una peggiore: la droga.
La mia storia inizia 12 anni fa, ci siamo sposati mentre eravamo in attesa del nostro primo figlio e sembrava una vera storia d’amore (dialogo, ascolto reciproco, passione…), ma appena dopo il matrimonio sono andata a sbattere contro una realtà tremenda. Lui usava cocaina…io da perfetta ignorante ho creduto alle sue parole, che era stato un caso tra amici…ero presa dal piccolo e tante cose non riuscivo a vederle…inoltre beveva, spesso ha esagerato, ha alzato le mani, mi ha offesa, mi ha umiliata.
In uno dei rarissimi momenti sereni abbiamo avuto una bimba…e dopo una terapia di coppia credevo che avesse capito…che fosse finalmente cresciuto…invece…no…ho scoperto che usava ancora la sostanza e che non aveva mai smesso. Abbiamo fatto sacrifici perchè i soldi non bastavano mai (o c’erano e senza capire da dove venissero) ed io…che credevo al sacrificio per la famiglia…credevo in lui…invece ho rinunciato a tutto perchè lui potesse permettersi il suo vizio…per 10 anni! Bugie…offese…sensi di colpa!!! Credevo di non essere io capace di portare avanti la “baracca”…eppure non spendevo nulla per me, ma mi fidavo…quanto sono stata stupida! Ora…di nuovo in terapia di coppia…con la sostanza sembra abbia davvero smesso (analisi lo confermano) ma io non mi fido…e non riesco a vedere in questa sua rinuncia nulla di positivo. Voglio dire…facile non sarà stato smettere e gliene dò merito, ma non parliamo di una malattia…o di un imprevisto…parliamo di un tossico che si è divertito alle mie spalle mentre i suoi figli erano piccoli…facendomi sentire in colpa, una cattiva madre, una buona a nulla e una donna inutile( sue testuali parole…prefersico fermarmi qui)…quando io gli volevo bene e credevo in una famiglia felice. Senza amiche…senza più niente…sono sola…mi sento un cagnolino che elemosina carezze, perchè lui oltretutto è anche un narcisista con difficoltà di relazione (terapia individuale e vari test di personalità lo hanno diagnosticato)…sto morendo vi giuro! Se lo lascio ho il terrore di pentirmene…i bambini hanno sofferto per colpa sua…ma è il loro papà e naturalmente gli vogliono bene anche se è capitato che dicessero: perchè non se ne va? Che tristezza…vorrei tornare libera…credo di meritare un uomo che mi voglia bene, che mi stia vicino…invece devo sempre stare a testa bassa…non vuole mai uscire, non vuole mai parlare e se poco poco lo accuso delle sue mancanze, è lì che esce fuori tutto il suo egoismo…non riesce ad ammettere nessuna colpa…tutto gli è dovuto…e gli altri devono subire. Non ha mai tutelato la sua famiglia, se non fosse per me la casa cadrebbe a pezzi! Mi occupo di tutto…!!! dai bambini, alle pulizie, alla spesa, alla spazzatura, al giardino…ogni tanto mi aiuta ma lo fa con quel suo sguardo spavaldo, come per dire: ti sto facendo un favore! Non ce la faccio più.
prima ero solare, vivace e piena di hobby…me li ha fatti lasciare tutti…col suo modo subdolo di comportarsi, mi danneggia a livello psicologico, è sarcastico, tira frecciatine nei momenti dove io non posso ribattereper poi farmi credere che sono stata io a capire male. Come faccio ancora a starci insieme? Sono pazza? accetto ogni critica basta che riesco a trovare il coraggio di liberarmi di lui. Quando lo guardo…mi viene la nausea…non penso a lui fisicamente M A I e preferisco l’astinenza a vita piuttosto! Ma posso ancora vivere così? Ho 34 anni…e non sono affatto male!!!Se devo pensare al passato…è bruttissimo ammetterlo, non ho nemmeno un ricordo autentico con lui…perchè ora so che ogni parola detta era alterata dalla sostanza e quindi non so più chi ho davanti…! Scusatemi per la disperazione che trasmetto, ma credetemi dentro sono ricca di voglia di vivere, di gioia e di amore per la vita che lui sta distruggendo pian piano…
Grazie…*

  1. agbo6106-13-2013

    Hai gia’ trovato da sola le tue risposte… lui non ti ha mai dato niente e niente mai ti dara’. Purtroppo ci sono uomini che sanno amare solo se stessi ed e’ inutile sperare nel miracolo della redenzione! Hai paura di pentirti in seguito… io sono sicura che te ne pentirai, ma solo di non averlo lasciato prima! Ti pentirai solo di aver buttato tanto tempo dietro un uomo che non merita nulla. All’inizio sembra difficile, abbiamo avuto uomini che ci hanno tolto la fiducia in noi stesse, che ci hanno fatto credere che senza di loro non sappiamo cavarcela… bugie… dopo quel primo attimo di smarrimento vedrai quanto sara’ facile ! In fondo finora aiuti da lui non ne hai avuti, quindi cosa mai dovrebbe mancarti? Sei ancora giovane, riprendi in mano la tua vita e dalle di nuovo i colori che merita… io dopo aver passato un anno a piangere adesso mi trovo a chiedermi: ma chi me lo ha fatto fare? Con tutti i soldi che ho buttato inutimente in kleenex mi facevo una vacanza!
    … devi solo fare il primo passo e vedrai che tutto poi sara’ facile… ti abbraccio e tifo per te

    • Animafragile06-14-2013

      So che hai ragione…evidentemente sono una vigliacca oppure non amo abbastanza me stessa…sai qual è la mia più grande paura? Che da separati lui possa fare peggio…possa farmi dispetti mettendo in mezzo i bambini…io ho paura di restare sola e di ritrovarmi in mezzo a una strada! Purtroppo non ho potuto crearmi una carriera perchè quando ho scoperto di aspettare mio figlio ero giovane e stavo studiando…ho scelto di lavorare con lui…un errore enorme…e cosa accadrà una volta lasciati? A volte penso che è meglio restare così e pensare a me stessa…vivere la mia vita per i fatti miei…non considerandolo più…la casa è sua…cavoli sono nei guai :(

      • agbo6106-15-2013

        Carissima, non dico che sara’ un cammino facile, quando io divorziai la prima volta avevo un lavoro parte-time e due figli di 4 e 10 anni… ho tirato la cinghia, ho tirato avanti giorno per giorno… dispetti riflessi attraverso i figli ne ho avuti, non ho mai parlato male del padre davanti ai bambini, ma da soli si sono accorti che era una figura assente e comunque, anche se dovevano rinunciare a molte cose che altri bambini potevano avere, erano molto piu’ sereni, l’ambiente familiare era piu’ rilassato…
        Non devi temere, i bambini capiscono. In quanto a te, che vita sarebbe accanto a lui, pur cercando di fregartene? Angherie e dispetti ne subiresti ancora di più senza però avere un posto in cui rifugiarti lontana da lui. Per quanto riguarda la casa credo che se ci sono bambini la donna abbia diritto a viverci (non conosco la legge in Italia, vivo in Svizzera, ma cmq da voi le donne sono molto più protette che qui). Cerca al più presto un lavoro che ti renda in parte indipendente (qualcosa dovà pur passarti anche lui), qualsiasi cosa, poi con il tempo vedi di trovare di meglio, ma per l’inizio tutto può andare! Non e’ questione di vigliaccheria, sono paure che tutte noi abbiamo passato: come farò da sola? Come vivrò? E i bambini?… tutto si risolve quando riesci a spezzare le catene che ancora ti legano. Sembra difficile, ma e’ solo questione di fare questo primo passo. Se può aiutarti, prefiggiti un giorno, pensa a tutto il negativo che ti porti dietro, caricati di rabbia e…. mandalo a quel paese senza nemmeno ascoltare le sue scuse! Non sprecare la tua vita, fallo per te, ma anche per i tuoi figli, anche loro meritano una vita piu’ serena!

  2. Stella06-14-2013

    Ciao! Secondo me devi attendere l’esito della terapia di coppia .non avviene subito ma con il tempo …..poi deciderai cosa fare ….purtroppo ci vuole fatica e tempo e lacrime.ho fatto terapia di coppia dopo due anni mi ero trasformata devi avere un po’ di fiducia in te stessa.é fragile anche lui ! La droga lo ha fatto suo se ne é uscito é già una grazia.un bacio

  3. Creamy06-15-2013

    Cara anima fragile,
    quanta sofferenza nelle tue parole! La tua storia, purtroppo, ribadisce quanto pericoloso sia affidare totalmente la nostra vita ad un uomo: per quanto bravo, innamorato e premuroso possa sembrare, nulla e nessuno ci garantisce che, prima o poi, non possa cambiare o, come nel tuo caso, scoprire che, in realtà, non era come si mostrava. Ripetiamoci queste semplici regole: dobbiamo impostare la nostra vita come se dovessimo rimanere da sole il giorno dopo; cerchiamo di conciliare la famiglia con un lavoro solo nostro, anche part time ma nostro; non isoliamoci da amici e conoscenti perchè abbiamo bisogno di relazionarci anche in altri contesti; non consentiamo a nessuno di offenderci, solo così otterremo rispetto.
    Scusami Anima fragile per queste divagazioni ma sono le prime cose che mi sono venute alla mente leggendo la tua storia… sono gli errori che tutte noi donne innamorate, devote alla famiglia, rischiamo di commettere perchè non presupponiamo lontanamente che il nostro uomo possa trattarci in quel modo.
    E quando succede anche a noi commettiamo l’ennesimo errore di giustificarlo o di metterci su famiglia nella convinzione che prima o poi cambierà…..
    e’ a questo che serve questo sito, questa condivisione: capire che la situazione in cui ci troviamo non è così unica ma, anzi, molto simile a quella di tante altre donne, la maggior parte delle quali sono riuscite ad uscirne a testa alta e più sicure di prima.
    hai solo 34 anni! una vita intera davanti! gli anni migliori per ua donna che non devi sprecare ancora accanto ad un uomo così..
    ha ragione agbo61: sei spaventata, sarà durissima, ti chiederai spesso se avrai fatto la cosa giusta, ti dispererai ma alla fine tirerai un sospiro di sollievo e riderai di nuovo.
    Fatti forza, non mollare e non credere che sia meglio rimanere in una gabbia arrugginita come la tua piuttosto che aprire quella porta per iniziare la vita che meriti.
    Ti sono vicina, ti siamo vicine e attendiamo tue novità.
    un abbraccio,
    Creamy

    • Animafragile06-15-2013

      Grazie…credimi se qualcuno mi avesse messo in guardia…non gli avrei mai creduto! Qualche giorno fa credevo che le cose potessero ancora migliorare…ma com’è possibile che ancora mi illudo? Sono così sciocca? Devo fare il primo passo…perchè le umiliazioni giornaliere mi uccidono…sono così sottili…che mi passano da parte a parte…come quando ti tagli con la carta…sembra innocua ma fa un male cane…mi guardo allo specchio e vedo una donna fantasma…non sono come prima…mi curo di meno, esco pochissimo…non riesco nemmeno a mettere i tacchi…è una stanchezza tremenda…mi sento una fallita…spero con tutto il cuore di ritrovare me stessa e che i miei figli non mi odino e non soffrano se mi separerò…è un incubo…ma prima o poi finirà. Ti abbraccio fortissimo :***

  4. MF5507-02-2013

    Anima fragile, la tua storia è identica alla mia a quella di agbo61, capisco perfettamente quello che tu provi, è quello che hanno provato gran parte di noi donne tradite. quello che vorrei dirti è di pensare a te stessa, rivalutati datti l’opportunità di una nuova vita, curati, questa sembra la parte più dura, non guardarsi allo specchio mettere la prima cosa che ti capita, non uscire, e se esci non vedere nessuno e non vedere quello che ti circonda, impara a GUARDARE E RENDERTI CONTO CHE TU SEI LI’. per me era la stessa cosa. Purtroppo lui abita un pino sotto di me con quella put…di 32 anni lui 56 e io 57. Stò riprendendo la mia vita in mano e dopo ben 4 anni mi rendo conto di essere viva!!!E’ dura ma pian piano riuscirai a cvenirne fuori. Prova a vederlo non con gli occhi da innamorata, ma guardalo e incomincia a vederlo per quello che è, una persona che non merita più niente neanche un pensiero. quello che è stato è stato, ora avanti col resto della nostra vita.
    Abbi cura di te e non permettere a niente e nessuno di offenderti..mai più.
    coraggio il tempo ti aiuterà!!!!ti abbraccio. MF55!!!!!

    • Animafragile07-03-2013

      Grazie…io lo so che l’unica via d’uscita è lasciarlo…quando lo guardo…non “lo vedo”..lui è punitivo con me…e non ce n’è motivo…mi faccio esami di coscienza da anni…non ho più la forza…di portare avanti qualcosa in cui spero solo io…probabilmente vivo nell’illusione del lieto fine :) avete presente nei film…quando poi come per magia tutto diventa meraviglioso? Ecco…non avrei altre parole per spiegarmi: io spero che lui si accorga di me e dei sacrifici che ho fatto per lui e finalmente mi ami come vorrei…ma credo sia un film mentale solo mio…da questo devo separarmi! Come si fa? Devo smetterla di pensare a lui e di mostarmi disposta a tutto per la famiglia…mi sto incastrando da sola! Troverò la strada…costi quel che costi…darò retta a questa debole vocina dentro di me che ancora vuole salvarmi! Vi abbraccio…

      • agbo6107-05-2013

        Purtroppo molto spesso siamo autolesioniste, sembra quasi che ci godiamo a stare male, vogliamo punirci di chissa’ quali malefatte! Non devi punirti di niente!!! A volte invece quello che ci blocca e’ la paura di ciò che non conosciamo; il presente, per quanto triste, ci e’ noto ed e’ difficile buttarsi in qualcosa di nuovo e sconosciuto! Ma guarda la situazione a mente fredda: l’incognita puo’ essere peggiore della situazione attuale? Ne dubito … a meno di cataclismi, terremoti, guerre e tsunami… cosa vuoi che succeda? Al massimo un periodo di solitudine per prenderti il tempo riguardare bene in te stessa, di capire cosa realmente vuoi e soprattutto di scrollarti di dosso “l’animafragile” e diventare “wanderwoman”! Non mi sembra poi una cattiva prospettiva…. coraggio, la strada la sai, devi solo incamminarti verso questo nuovo sentiero che sarà sicuramente piu’ felice. Un abbraccio

  5. MF5507-06-2013

    ciao cara amica, capisco la tua paura di lasciarlo e di non vedere il dopo. Io nel 2009 ho scoperto la sua ultima storia, ce ne sono state altre, è prorio vero che la moglie è l’ultima a sapere, sono andata avanti per altri due anni e mezzo, sperando, come dici tu che si rendesse conto di quanto valessi, che dopo 37 anni qualcosa di buono era rimasto, i due figli meravigliosi , una bella casa, insomma tutta la vita fin dall’età di 18 anni. Non volevo buttare all’aria tutta la mia vita con lui, non potevo credere di chiudere quella porta per trovare l’incognito. L’anno scorso la separazione l’11 settembre è crollato tutto. Per tanto tempo ho pianto da sola perchè i figli non ci sono, sono fuori. Davanti a un piatto frugale, davanti alla televisione, non ho visto film d’amore per tre anni, quando vedevo le famiglie andare al mare, io ero sempre sola, o meglio non volevo vedere nessuno. Poi giorno dopo giorno con l’aiuto di uno psicologo, Creamy, e poche amiche ho rincominciato a pensare a me. Non era facile ma con grande forza d’animo e due pal….quadrate la mia vita è cambiata. ora quando lo vedo penso di lui come un poveraccio che vuole essere di nuovo un ragazzino senza pensare che il tempo va avanti per tutti. Vivo sola ma non sono sola, c’è una grande diferenza! Ho 57 anni e mentre prima pensavo di avver chiuso con gli uomini…..ora non mi dispiacerebbe conoscere un uomo prima amico ( se son rose fioriranno) ma sopratutto una persona con cui scambiare qualche parola, andare a mangiare fuori…ma stavolta deve essere intelligente!!! ! perchè lui era bello e amato da tutti e di questo se ne vantava, io piccoletta, ma sicuramente più in gamba di lui e sopratutto con un’alta moralità e rispetto verso il prossimo.
    Incomincia da te, i figli, e sopratutto coccolati, fatti bella ( sai che rabbia per loro non vederci tristi, sciatte e affrante?) compra le candele profumate, io ho anche imparato a farle, accendile la sera, ti daranno conforto.
    Ti prego però fai il grande passo, lascialo e chiedi tu la separazione, per lui che crede che non lo lascerai mai sarà uno smacco. Fallo subito!!!!!!!!
    Fcci sapere tue notizie, chissà che prima o poi Creamy non riesca a farci ritrovare tutte insieme a diventare amiche e sopratutto a RIDERE!!!! Bacioni a tutte. MF55.

Leave a Reply

*