Un sito dedicato a tutte le donne che sono state tradite...
... e a quelle che non sanno ancora di esserlo...

Archivio

Il mio deficiente-Lisa76

sono stata tradita poche settimane fa, lui aveva tutti i sintomi che sono perfettamente descritti in questo sito: geloso, scostante, pensieroso, distaccato, desideroso di spazi mai cercati prima, voglioso di stare con improbabili amici e un clamoroso distacco fisico dovuto, a detta del deficiente (mi piace questo modo di chiamare i traditori), a una serie di problemi esistenziali per i quali mi chiedeva di stargli vicino.. Ci ho impiegato 15 giorni a “smascherarlo”, nonostante con questi insoliti comportamenti si fosse smascherato da sè.. inutile dire che la sua reazione iniziale è stata la negazione ma,messo alle strette, ha dovuto ammettere il “misfatto”.. ammissione realizzata con fare arrogante e ridendomi in faccia, senza il minimo segno di pentimento o di empatia per il male che mi aveva fatto e mi stava facendo.. io,scioccata non tanto dal tradimento (che stavo già elaborando), ma soprattutto dalla reazione di lui che, invece di chiedere perdono, mi addossava tutte le colpe e pareva quasi fiero del gesto fatto, mi sono umiliata chiedendo le tanto INUTILI spiegazioni del gesto..sì perchè le spiegazioni sono inutili, infatti il tradimento non è mai giustificato e, a mio parere, viene messo in atto da individui senza palle per lo più desiderosi di farsi una o più notti di sesso impunemente, mantenendo la certezza che comunque esista una compagna stabile e amorevole ad attenderli dopo le loro bravate..
Dopo 3 giorni di disperazione ho cominciato a rialzarmi, decidendo che mai più avrei permesso al deficiente di intaccare la mia vita.. da quel momento lui ha cominciato a chiamarmi incessantemente , molto probabilmente perchè nel frattempo la nuova compagna di giochi, si era dileguata (forse avendo intravisto l’indolenza del deficiente)e la sottoscritta tornava ad essere utile al suo opportunismo.. tramite sms mi ha chiesto di rimanere almeno amici..Certo che ci vuole un bel coraggio a fare una proposta del genere.. e che me ne farei io di un amico sleale, su cui non poter contare??? certo che i deficienti hanno proprio una bella fantasia.. l’ultima trovata è stata quella di inviarmi una lettera in cui potermi spiegare come sono andati i fatti.. ma a me che importa?? che mi frega della sua ricostruzione dei fatti?? l’epilogo è comunque il tradimento: lui che si scopava un’altra mentre la sottoscritta pensava ad una cena, un week-end, un modo carino per sollevargli il morale.. Credo che sia proprio questa immagine a rendere impossibile il perdono del tradimento..e a rafforzare l’idea che l’unica cosa che si merita qualsiasi deficiente sia l’indifferenza

  1. Azzurra03-18-2014

    Ciao Lisa 76…hai perfettamente ragione…io a differenza tua ci ho impiegato un anno per trovare la forza di reagire…purtroppo nella mia storia/matrimonio non c’è stato solo il tradimento…ma una serie di fatti che hanno minato in profondità la mia salute fisica e mentale.
    Però oggi ricomncio a vivere…sono sola…non ho una storia…non ho un compagno…ma sono innamorata della mia “nuova” vita…sono fiera ed orgogliosa di me che, nonostante aver perso tutto (matrimonio, sogni, voglia di maternità, casa, soldi) sono stata comunque capace di rialzarmi e tirarmi su le maniche con i miei soli sacrifici….
    Sinceramente non mi interessa più trovare le risposte ai tanti “perchè” che fino a ieri assillavano la mia mente…oggi, come dici tu, me ne frego di lui e della sua vita.
    Sono finalmente libera da quel macigno che avevo sullo stomaco…dal peso delle sue accuse…dalle sue condanne….dalle sue offese.
    Non permetterò più a nessuno di umiliarmi e ferirmi come ha fatto lui….
    La più grande umiliazione è stata la sofferenza dell’abbandono….lui sapeva perfettamente che io ero sola a casa…tutti i giorni, che cenavo da sola, dormivo da sola, passavo le feste da sola, i week end da sola…e l’ha fatto appositamente, per farmi sentire emarginata e messa da parte…soprattutto perchè avevo già la sofferenza della perdita di mia madre che mi
    Questa è stata la più grande umiliazione che ho subito…..

Leave a Reply

*