Un sito dedicato a tutte le donne che sono state tradite...
... e a quelle che non sanno ancora di esserlo...

Archivio

Mi sento inutile

ciao
sono una di voi
non so nemmeno io come mi sento,inutile, delusa,umiliata ,trafitta,deris a,illusa,devast ata,fatta a pezzettini e sparsi nel vento. non mi riconosco più, non sono più io…..io che credevo in un amore vero,sicero,con diviso,inico….io che ho messo tutta me stessa la mia vita nelle sue mani,nelle mani dell’uomo che poi ha buttato tutto,tutto cio che abbiamo costruito per anni insieme. Sto male tanto male, non riesco a togliere dalla mente l’immagine di lui con lei, vorrei solo poter scomparire dalla faccia della terra e non nego che questo pensiero è con me tutto il giorno.
E’ stato lui ha dire la verità, dopo varie mie insistenze,a dire di essersi pentito,a venire a riprendermi,ma io non riesco ancora a credergli e a fidarmi di lui,ho paura ma lo amo, è giusto questo? Non lo so.
So solo che sono niente niente niente niente

  1. Chiara12-22-2013

    Cara Collega,
    da dove iniziare? Dal nome che hai scelto per iscriverti in questo sito? Si…inizierò proprio da lì, sarà per deformazione professionale…
    Inutile.
    E’ vero.
    E’ così che ci si sente.
    Inutile come un fazzoletto usato e buttato via.
    Inutile come chi, pur avendo dato tanto, non ha ricevuto neanche uno sguardo.
    Inutile come una Donna che ha finalmente realizzato di non riconoscersi più allo specchio.
    Allora partiamo da qui.. dopo aver scritto di sentirti inutile hai aggiunto che prima tu non eri così. Spesso siamo noi stesse le artefici della nostra infelicità (vedi Gli errori delle donne) perchè quando ci innamoriamo ci annulliamo per l’altro e ci trasformiamo in quello che piace a lui dimenticandoci di avere desideri ed esigenze personali che possono non coincidere con le sue.
    Idealizziamo l’altro tanto da non distinguere più le nostre scelte e nostri successi dai suoi.
    So anche che in questo momento vorresti chiudere gli occhi e non svegliarti mai più…
    Passerà amica mia..passerà anche questa sensazione.
    Scrivi di amarlo ancora e anche questa è una reazione normale perchè il tuo orgoglio è stato ferito e hai capito che il tuo lui non è stato solo tuo quindi rischi di confondere l’amore con il senso di possesso e di rivalsa nei confronti dell’altra.
    Sappiamo ancora poco della tua storia, se sei sposata, quanti anni hai e se sei indipendente economicamente..insomma..tutte quelle informazioni necessarie per darti dei giusti consigli.
    Aspettiamo tue notizie, intanto ti abbraccio forte,
    Creamy.

    • inutile12-22-2013

      ciao
      è vero il mio nome racchiude tutto il mio stato attuale. Sono sposata da 2 anni, e lui ha detta sua ha cominciato a tradirmi dopo 1 anno e mezzo di matrimonio,i problemi sono iniziati dopo circa 7 mesi di matrimonio, perchè a lui non stavano più bene alcune mie caratteristiche , le quali conosceva benissimo dal primo giorno che mi ha conusciuta, a queste io ho cominciato ad apportare cambiamenti, ma non sono serviti a niente praticamente, perchè mentre io cercavo di migliorare e risolvere lui stava con lei. Siamo stati fidanzati per 10 anni, pensavo in questi anni eravamo arrivati a capirci e conoscerci in tutto, io avevo cecamente fiducia in lui, ora non più, sono perennemente alla ricerca di risposte, approvazioni anche per banalità. è stato lui a confessare il tutto dopo una litigata in cui io sono andata via di casa, perchè aveva detto di non amarmi, dopo un giorno è venuto a cercarmi e a riportarmi a casa e li ha detto tutto. lui dice di non sentirsi più e ne vedersi più con lei, ma io non ne sono sicura.Ancora non mi ha detto ti amo,ad eccezione del giorno in cui ha ammesso il tradimento. Sono passati 3 mesi da quel giorno tra alti e bassi, più bassi,lui dice che non devo più riaprire il discorso di lei, ma come faccio se ho sempre tutto davanti gl occhi,anche questo ora è colpa mia? non so non so più niente non credo più in niente, vorrei solo chiudere gli occhi e risvegliarmi in un mondo nuovo o non risvegliarmi affatto.
      Per rispondere alla tua domanda, io lavoro ma non è un lavoro da potermi mantenermi, ho 32 anni, non abbiamo bambini, anche se lui quel giorno mi aveva chiesto di cominciarne a farne uno , ma io non ho voluto, non volevo un figlio del perdono, dopo pochissimi giorni riparlandone era lui a voler ancora aspettare, cosa vuol dire anche questo?una presa per i fondelli ancora? MI SENTO INUTILE, UMILIATA, FERITA, DERISA,CALPESTA TA, RIPUDIATA, SOLA, NON SO PIù CHI SONO, NON SONO PIù IO.

      • Chiara12-22-2013

        Cara collega,
        non ti stupire delle stranezze del tuo deficiente perchè rientra tutto nella norma: lui sa di avere sbagliato ma non vuole che tu ne parli ancora…comodo, no? Accusa velatamente te del suo tradimento causato da lati del tuo carattere che non gli stavano più bene…E’ normale quando hai la testa (e il testosterone) impegnata da un’altra parte che la donna che ti aspetta a casa non sia più così interessante e che si cominci a vedere tutti i suoi difetti grandi come montagne. E’ una reazione di difesa che giustificava inconsciamente il male che ti stava facendo.
        Un figlio? meno male che sei rimasta lucida quel giorno perchè prima di prendere una decisione simile devi esserne sicura…
        Si è rimangiato tutto dopo qualche giorno? E’ normale anche questo: quando pensano di averti persa vengono a riconquistarti con qualsiasi mezzo….appena ritorni nel loro ovile si concedono anche il lusso dei ripensamenti. Sai cosa ti consiglio? Una delle cose più difficili da fare ma anche la più giusta: allontanati da lui fisicamente e mentalmente. Digli che hai bisogno di prenderti del tempo per capire quello che vuoi. Digli che non parlarne non ti aiuta. Digli che può andarsene lui da casa per un periodo dato che tu non potresti mantenerti da sola. Insomma slegati da questo rapporto in cui lui ti ha rinchiusa nuovamente. Puoi farlo perchè non avete ancora figli e perchè se ci tieni davvero a recuperare il tuo matrimonio devi avere il coraggio che lui non ha avuto. Solo così lui capirà di avere accanto una Donna con le palle che non rimane ad apsettare i suoi comodi e che prende le decisioni più giuste per se stessa. Solo così ti rispetterà e ti stimerà come donna e potrà davvero capire chi sta perdendo. Non ti illudere che farti vedere docile e rimanere con lui come se niente fosse serva a qualcosa. E’ venuto a riprenderti quando sei andata via, ha smesso di cercarti quando sei tornata.
        Scrivimi ancora per farmi sapere quali sono le tue paure o se trovi fattibile questa soluzione.
        Tua, Creamy

Leave a Reply

*