Un sito dedicato a tutte le donne che sono state tradite...
... e a quelle che non sanno ancora di esserlo...

Archivio

Nei panni dei traditori-Ileana

Ho scoperto soltanto da circa un mese di essere stata tradita da quattro anni con un’amica  anche lei sposata, che conosco da trenta.  Due coppie sempre insieme, feste, vacanze, cene, compleanni, natali e capodanni, anche quelli degli ultimi quattro anni in cui mio marito e la mia amica erano amanti.  In questo mese ho letto tanti articoli di testimonianze sui tradimenti subiti e su come superarli quando il marito è pentito ( o almeno dice di esserlo ) e dicidi di andare avanti con lui con o senza perdono, ho letto della devastazione che si prova, della mancanza di fiducia, della nausea, della scarsa autostima,  tutte cose provate su di me, ma nulla mi aiuta a farmene una ragione per una cosa per me, che sono stata 33 anni fedele,  inconcepibile. Allora ho cercato di documentarmi maggiormente su come si sente un traditore piuttosto del tradito, e cosa lo ha spinto a tradire. Ho capito che mio marito alla soglia dei 44 anni,  raggiunto un potere professionale ed economico alto, avendo una bella casa, una bella famiglia e per concludere un’auto che vale quasi quanto un’appartamento, sembrava non gli mancasse niente, invece qualcosa gli mancava. Aveva bisogno di confermare il suo potere aumentando la sua autostima, sentendosi desiderato, amato , affascinante, sessualmente potente  sfidando il proibito e  avendo la capacità di gestire due relazioni parallele nella menzogna.  Un uomo potente ma scarsamente ambizioso poichè nessuno sforzo ha fatto per cercare una donna superiore al mio livello, l’ha praticamente trovata dietro l’angolo, senza troppa fatica, una che,  anch’essa soffriva di scarsa autostima in cerca della attenzioni che il marito non le dava, anche lei senza sforzarsi troppo di cercare “altrove” perche probabilmente come mio marito “altrove” non avrebbero trovato nessuno disposti a loro . Due poveracci che si sono consolati a vicenda., nella speranza di vivere l’amore eterno,  ritrovandosi con un pugno di mosche nelle mani, quando lui conclusa l’euforia,  ha capito che lei non poteva mai essere alla mia altezza e che  chi lo rendeva potente  ce l’aveva già! Così ha lasciato la sua amante,che,  se   prima la sua autostima era scarsa adesso non esiste proprio, una traditrice lasciata che deve fare i conti ogni giorno con il marito e i figli , che sanno tutto, oltre che con lei stessa….una donna finita! Ancor più perchè a conoscenza della mia unione con mio marito. Ho pensato tante volte alla vendetta, ma poi, ho anche pensato che mi sentirei come lei ( l’amante) allora meglio rimanere pulita e soprattutto con la dignità che ti permette ogni giorno di guardarti allo specchio e di sentirti una donna fiera di se.

  1. gabriella08-21-2016

    però per essere passato solo un mese ti sei ripresa bene.Tutto giusto, però tanta unione con tuo marito dopo 4 anni di tradimento io non la capisco. Come ci riesci?

    • ileana10-12-2016

      non è facile…….soffro ancora; però quando lui è pentito e dice di amarti……cosa fai? Non gli dai una seconda opportunità?

      • Anonimo10-13-2016

        Ti auguro veramente che lui sia sempre sincero.

Leave a Reply

*