Un sito dedicato a tutte le donne che sono state tradite...
... e a quelle che non sanno ancora di esserlo...

Archivio

Un cane amico…-Stany

Il cane come mezzo per conoscere altri uomini.
Sposati da 4 anni , ambedue al secondo matrimonio, 59 io 53 lei , un bimbo di otto.Convivenza di sette anni prima del matrimonio.
Vengo sollecitato sei mesi fa all’acquisto di un cane di una razza specifica; io contrario, data una esperienza precedente di un anno con un altro cane, alla fine, per il bimbo cedo. Il nuovo cane ancorché bello ,è problematico, è un cucciolo che socializza prevalentemente con altri cani , avendo terrore degli umani. Mia moglie si occupa dell’incombenza delle uscite del cane , come da accordi. Anche io saltuariamente la accompagno al parchetto sotto casa. Conosciamo diversi cani e padroni, con cui si instaurano nuove “amicizie”; uno dei quali, avendo due cani che si trovano benissmo col nostro, diventa il riferimento delle uscite serali.
Come dicevo, sporadicamente uscivano insieme. Una sera di gennaio ci troviamo in più cani e padroni, io a giocare e far giocare proprio i cani del tipo; quando mi riunisco a loro (mia moglie e l\’altro), mi rendo conto che il tipo le parla d fronte, quindi in modo confidenziale, ma , di più, la guarda con occhi ed atteggiamento eccitati. Lì per lì, dato il soggetto , estraneo al cliché di mia moglie, forse anche più giovane di un paio di anni, penso che lui nutra inutili speranze, anzi, lo compatisco pure, pare uno sfigato; comunque mi da fastidio questo quadretto e me ne vado lasciandoli tranquillamente continuare la conversazione. Alcuni giorni dopo,controllando online le telefonate di una mia utenza utilizzata da mia moglie, che ne ha una anche sua sullo stesso telefono, mi accorgo che  un numero viene chiamato diverse volte al giorno, anche per 50 o più minuti , o solo pochi secondi. Non ci faccio caso, credo che sia  della sorella, cognate ecc….Mia moglie, c\’è da dire che ha avuto una vita sessuale molto disinibita da giovane, con molte relazioni, anche fugaci, così come anche dopo il suo  primo matrimonio. Io all\’opposto ,sono più calmo e ho avuto meno esperienze. Ha mai potuto avere figli, nonostante non usasse precauzioni, anche nei rapporti occasionali, io le ho dato figlio a quasi 45 anni,in modo naturale (caso eccezionale), quando pur volendolo, ma non potendo, fino ad allora diceva in giro che non voleva figli. Dico….\’miracolo\’ del figlio, esperienze fatte….ad una certa età , sarà appagata e dovrebbe stare tranquilla!
Il nostro rapporto non funziona molto almeno dal matrimonio,difficoltà fisiche nei rapporti sessuali,raffreddamento nei rapporti quotidiani, il solito tran tran, penso alla menopausa. Mi rinfaccia da anni di non considerare il bambino, cui  lei è l\’unico riferimento.Non è vero, io lavoro, lei no.O forse ,non condivido il metodo di educazione, e così, lascio a lei il timone. Poi forse troppa TV,internet…..mancanza di ascolto e relazione , empatia calante……Ma non riesco a rimediare.
Periodicamente mi dice \”che vogliamo fare,così non può andare avanti\” .Io ho sempre ritenuto che non essendo economicamente indipendente, il suo fosse uno sfogo inutile, anzi,non le davo retta, così come ,purtoppo, non ho mai intavolato una discussione per approfondire.Arriviamo a  tre settimane or sono; si rende necessario un ricovero per lei,io approfitto della sedazione per controllare la rubrica del telefono….. scopro così che quel numero tanto gettonato corrisponde allo \”sfigato\’ dei cani.Ricstruisco date ed eventi degli ultimi mesi,confronto messaggi invati a me e chiamate al tipo ,orari e circostanze, e trovo conferme ai miei dubbi.
L\’affronto duramente, l\’accuso con sicurezza, lei nega,ma non in modo convinto….quasi fosse un evento atteso; non si offende alle mie ingiurie, ma non confessa. Ora lo sa tutto il parentado,da lei, che ho chiesto la separazione; io ho detto nulla delle motivazioni, per pudore,vergogna, orgoglio…..Le ho chiest subito la separazione, già sentito mio avvocato…..dovremmo andarci insieme in questi giorni.
Ma….continuo ad amarla, anche se capisco che chi ti tradisce non ti ama.Mi rode dentro e vorrei non mandarla via. Se continuerà non sarà per il figlio che vivrebbe male con due genitori che si odiano ,ma stanno assieme per lui o per il mutuo….Meglio separati e più sereni. Se continuerà sarà perché ci sono i presupposti per farlo ed un nuovo inizio tra noi.Ma non so, sarà dura ,molto dura.
Per adesso mi sono rovinato le mani contro il muro per non  spaccarle la faccia…..
Esito prevedibile: io solo con un cane problematico che non volevo, col quale sto passando due ore tutti i giorni, per farlo uscire delle sue turbe,a cui mi sto affezionando,visto che lei lo darebbe via senza problemi.Un cane che m ricorderà sempre di essere stato il mezzo ed il pretesto per mia moglie per farmi arrivare dove mi trovo oggi…..

  1. Sara03-08-2016

    Non attribuire la colpa al cane, caro Stany, se non ci fosse stato lui, probabilmente ci sarebbe stato l’idraulico o il vicino di casa….purtroppo se le cose tra voi non stavano andando bene, prima o poi uno dei due doveva cascarci. Io sono stata “la vittima”, come te, ma quando ho finalmente scoperto tutto (dopo più di due anni!) ci siamo detti quello che ci eravamo tenuti dentro per troppo tempo, e inevitabile è stato anche per me l’istinto di volersi separare. Ma se c’è ancora amore, un amore che vale la pena salvare, e non in nome dei figli, ma in nome di una vita di coppia passata, si può tornare e può essere ancora più uniti di prima. Però tutto deve essere visto, accettato e accantonato come una terribile esperienza di vita che devasta chi è tradito, gli spezza il cuore e gli straccia l’anima, ma può portare a una nuova vita della coppia. Credimi, il tuo dolore è troppo recente per poter guardare il tutto sotto questo aspetto. Tuttavia, se avete riscoperto un amore che si era assopito, se credete in voi e se siete pronti ad affrontare il prossimo anno che è il più duro (perchè ci saranno tante ricadute da parte tua, e lei dovrà essere forte e pronta a sorreggerti), allora potete guardare avanti e ritrovare la felicità che vi aveva unito.
    Se ti può essere di aiuto, scrivi ancora e io o altri saremo pronti a dirti una parola, sperando che possa essere utile. Questa è la mia storia, se vorrai leggerla e capire quanto ho sofferto anch’io: http://www.donnetradite.it/per-piu-di-due-anni-credo-che-mio-marito-sia-impotente-e-invece-sara/
    Ti abbraccio Sara

Leave a Reply

*